Perché la catena del freddo è così impegnativa?

Página de aterrizaje isométrica de transporte refrigerado- retos de la cadena de frío vector

Cada tipo de producto acorde con el sector y las necesidades que posee tiene sus desafíos específicos en el momento de planificar sus rutas y transportarlos.  Uno de los más prominentes son los retos de la cadena de frío, de la cual es necesaria para abastecer y distribuir productos que suelen ser imprescindibles como alimentos … Leggi tutto

4 vantaggi di Click and Collect nelle operazioni logistiche

vehículo de transporte furgoneta de reparto dibujos animados. Ventajas del Click and Collect

L'importanza di applicare la sostenibilità nei processi della catena di approvvigionamento è spesso discussa dal punto di vista del settore della logistica e dei trasporti. In questo caso, in termini di sostenibilità, gli utenti chiedono sia impegno che convenienza nella consegna dei loro ordini. Tuttavia, questi desideri non sono compatibili con un vero impegno nei confronti dell'ambiente, almeno non con la tecnologia attualmente utilizzata.

Una delle tendenze in crescita nel settore della vendita al dettaglio è il Click & Collect, un'opzione che ha guadagnato importanza negli ultimi anni e che offre diversi vantaggi sia per il negozio che per il consumatore, tra cui la riduzione delle emissioni di carbonio.

Se volete saperne di più sui vantaggi del Click and Collect nelle operazioni logistiche, date un'occhiata!

Shorten the last mile

L'ultimo miglio presenta spesso una serie di sfide sorte negli ultimi tempi, difficili da aggirare e da impiegare con buona capillarità nella consegna. Ad esempio, le restrizioni all'ingresso dei veicoli di grandi dimensioni nei centri urbani e la difficoltà di accesso a determinati indirizzi con strade molto strette, oltre alla sfida comune di gestire la congestione del traffico tipica delle grandi città.

Con Click & Collect , la destinazione finale viene abbreviata e l'obiettivo finale del trasporto è che il prodotto arrivi allo stabilimento nel rispetto degli obiettivi stabiliti. Tuttavia, dipende ancora dall'ubicazione del locale, che sarà più facile se si trova in un centro commerciale in periferia con una buona piattaforma di scarico merci, o altrettanto difficile se si trova in un'area pedonale del centro città. Nonostante ciò, si tratta di un'opzione molto economica sia per l'operatore logistico che per l'azienda.

Avoid missed deliveries

Uno dei maggiori inconvenienti delle consegne al cliente finale è che non vengono portate a termine con successo. Tra le cause principali vi è l' assenza del cliente finale a casa o in ufficio, che genera maggiori disagi per la riconsegna, con conseguenti maggiori costi di logistica inversa. Inoltre, non tutti gli operatori logistici possono garantire che l'ordine arrivi in una fascia oraria ben precisa richiesta dal cliente.

Il Click & Collect offre la garanzia di una consegna corretta del pacco e la libertà di ritirarlo presso il negozio o l'ufficio postale quando il cliente è disponibile. A condizione che non superi il periodo di prenotazione dell'ordine (di solito circa 15 giorni) e che rientri nell'orario di lavoro di tale stabilimento. Anche se le limitazioni di tempo possono essere rimosse con la possibilità di conservarli in armadietti automatici accessibili 24 ore su 24.

Empresaria preparando el envío de paquetes. Ventajas del Click & Collect

Leggi tutto

Differenze tra distribuzione Push e Pull

Ilustración isométrica de un almacén. diferencias entre distribución push y pull vector

È noto che la gestione delle scorte si basa sulla struttura e sugli obiettivi della rete di distribuzione dell'azienda in base al settore in cui opera. Ciò avviene decidendo i canali di distribuzione attraverso i quali i prodotti vengono consegnati ai clienti e verificando quali siano i più ottimali in termini di servizio al cliente e di risparmio di costi e risorse.

A tal fine, esistono due modi per riempire le scorte in un canale di distribuzione: Push e Pull. Conoscere le loro definizioni e i loro vantaggi e svantaggi è fondamentale per scegliere la strategia giusta in base al settore in cui si opera e alle proprie esigenze.

Se volete conoscere le differenze tra la distribuzione Push e Pull, i loro vantaggi e svantaggi e quali sono i casi in cui è indicata una strategia o l'altra, continuate a leggere.

Distribuzione push

In un sistema di distribuzione push, è il produttore o il fornitore a decidere quante unità di prodotto vengono prodotte e distribuite. In primo luogo, aggregano tutti i punti di stoccaggio di livello inferiore alla domanda storica e poi eseguono una previsione della domanda per determinare le quantità. L'inventario di rifornimento viene quindi spedito attraverso i magazzini dalle strutture di approvvigionamento di origine.

Questo metodo fa sì che i primi nodi della catena di fornitura siano responsabili del rifornimento delle scorte, producendo la quantità efficiente di merci per poterle spedire ai loro distributori ed evitare l'eccesso di scorte.

Vantaggi Push

Uno dei vantaggi di questo metodo è che si possono mantenere alti livelli di scorte prevedendo la domanda per generare un livello di scorte sicuro. È una strategia incentrata sul produttore. Pertanto, per i prodotti che hanno picchi di domanda in periodi specifici dell'anno o che sono molto richiesti durante tutto l'anno, come il settore alimentare, questo approccio è efficace.

Svantaggi Push

Tuttavia, uno degli svantaggi più evidenti della distribuzione push è che, poiché la decisione viene presa ai nodi più bassi della catena di fornitura, è distaccata dalla domanda effettiva che i clienti attuali richiedono. Per questo motivo, soffre di una notevole mancanza di trasparenza e visibilità delle esigenze dei clienti.

Per questo motivo è difficile adattarsi a picchi di domanda difficilmente prevedibili e fornire un buon servizio, causando di solito l'esaurimento delle scorte. Inoltre, richiede una buona gestione per mantenere un buon flusso di prodotti.

foto-media-hombre-usando-auriculares. diferencias entre distribución Push y Pull foto

Leggi tutto

KPI logistici e importanza della loro analisi

Cerrar la mano del hombre de negocios ocupado en el escritorio de oficina en el cuaderno y documentos de trabajo - KPIs de logística foto

In molti ambiti professionali, soprattutto in quello aziendale, è di fondamentale importanza raccogliere dati e organizzarli in misure di performance, meglio note come KPI. Potendo analizzare le prestazioni con i numeri, siano essi valori quantitativi o qualitativi, si hanno informazioni più chiare sull'andamento dei propri obiettivi.

È molto importante stabilire KPI per la logistica, perché è uno dei costi più elevati insieme alle spese di produzione e di marketing. Questo comporterebbe enormi perdite se non fossero adeguatamente monitorate. A questo punto ci chiediamo: quali sono i KPI essenziali per misurare accuratamente i vostri obiettivi logistici?

Se volete saperne di più sulle diverse aree della logistica in cui i KPI logistici non dovrebbero mancare sul cruscotto, date un'occhiata!

Immagazzinamento

Va notato che il magazzino non deve essere confuso con l'inventario o le scorte, perché questi indicatori non indicano le scorte stesse. I KPI riguardano l'analisi dei processi interni ai magazzini, come il picking e la preparazione degli ordini.

Un esempio di KPI logistici utilizzati nel magazzino è il costo unitario del magazzino, che calcola le rispettive spese. Inoltre, per analizzare le prestazioni e la produttività del magazzino sono disponibili i KPI del tasso di consegna completa puntuale e del tempo di ciclo interno, che servono a calcolare il tempo che intercorre tra la richiesta dell'ordine e la spedizione dell'ordine stesso.

Inventario

Naturalmente, questa è una delle parti più importanti della logistica, perché si occupa dei prodotti stessi e delle scorte che attraversano la catena di approvvigionamento. Oltre al fatto che la classificazione e lo smistamento dei diversi tipi di stock è fondamentale per il suo corretto funzionamento, lo è anche l'assegnazione degli obiettivi e dei rispettivi KPI logistici.

A tal fine, i KPI che vengono comunemente presi in considerazione sono i seguenti: rotture di stock per analizzare quante volte l'inventario è stato svuotato e cosa può essere migliorato, turnover dello stock per stimare quante volte l'inventario deve essere rinnovato e, naturalmente, i costi di inventario. Va detto che un elevato turnover delle scorte significa che si realizzano profitti sulle vendite.

Ilustración de concepto abstracto de kpi - KPIs de logística vector

Leggi tutto

Come è stata applicata con successo l'IA nella supply chain?

esempi di intelligenza artificiale nella logistica vettoriale

L'intelligenza artificiale è nota per essere una tendenza in crescita in molti settori del mondo. E non è un mistero che la logistica e i trasporti stiano cercando modi per applicare questa tecnologia per migliorare tutte le operazioni all'interno della catena di approvvigionamento. Dalle soluzioni di back office a quelle di controllo IoT, ci sono diversi esempi di intelligenza artificiale nella logistica.

Tuttavia, per le persone che non sono profondamente coinvolte nel settore, non è chiaro in quali operazioni specifiche sia coinvolta l'IA. Quali sono gli attuali problemi della catena di approvvigionamento da ottimizzare con l'IA? E quali vantaggi offre questa tecnologia rispetto alla concorrenza?

Se volete sapere come viene applicata l'IA nella gestione della supply chain con questi esempi di intelligenza artificiale nella logistica, date un'occhiata!

Automazione del magazzino

Settori come l'e-commerce hanno acquisito grande rilevanza negli ultimi anni, quindi l'aumento della domanda e la necessità di una gestione più efficiente dello storage richiedono una soluzione. Per questo motivo, l'automazione dei magazzini è uno dei principali esempi di intelligenza artificiale nella logistica.

L'automazione del magazzino comprende diverse operazioni, dall'applicazione di sistemi di stoccaggio automatizzati con trasloelevatori al software di gestione del magazzino. Utilizzano l'analisi dei dati e la previsione della domanda per coordinare i vari processi del magazzino.

Non solo, ma sincronizzano i compiti degli operatori e dei sistemi automatizzati. In questo modo, il personale può concentrarsi su altri compiti.

Controllo dell'inventario

Questa operazione va spesso di pari passo con l'automazione del magazzino e, a quanto pare, sarà un elemento importante per le aziende. Attualmente è noto che il volume delle spedizioni sta diminuendo notevolmente a causa dell'inflazione, per cui le scorte si accumulano e impiegheranno più tempo del previsto per accumularsi nel magazzino.

In primo luogo, il magazzino viene rifornito della giusta quantità di scorte in base alla previsione della domanda, basata su vendite precedenti, analisi di mercato e altro. In seguito, i sistemi di automazione verrebbero unificati con il controllo dei cataloghi per migliorare la visibilità delle scorte, segnalando i bassi livelli di stock e rilevando i prodotti e gli imballaggi difettosi prima che vengano spediti tramite telecamere o sensori AI.

Grazie a uno degli esempi di intelligenza artificiale nella logistica, è possibile ridurre i margini di errore e il tempo dedicato alle attività, ottenendo un'elevata soddisfazione dei clienti e un vantaggio competitivo rispetto ad altre aziende in cui la logistica gioca un ruolo cruciale.

Primer plano de un ordenador portátil que ejecuta un algoritmo que analiza el código en el escritorio frente a los programadores que trabajan en equipo - ejemplos de inteligencia artificial en la logística foto

Leggi tutto

4 strategie di localizzazione dei magazzini

Foto de parque industrial creado por 4045 - ubicación de los almacenes foto

Dall'inizio della pandemia, è evidente la notevole crescita del settore dell'e-commerce. Di conseguenza, sia i rivenditori online che gli operatori logistici hanno lavorato per migliorare e implementare tutti i cambiamenti necessari sia nella gestione del magazzino che nella distribuzione dell'ultimo miglio. Tuttavia, i grandi rivenditori e i centri di distribuzione hanno fatto un passo avanti nell'ubicazione dei magazzini.

È noto che negli ultimi due anni in Spagna sono stati aperti 82 parchi logistici, un numero notevole se si considera l'impatto del boom dell'e-commerce. Tuttavia, quali sono le strategie che le aziende adottano per localizzare le loro attività in determinati centri logistici? Se volete conoscerli, date un'occhiata!

Caratteristiche del prodotto

Questo è uno dei fattori più importanti nell'ubicazione dei magazzini, poiché il prodotto da vendere o distribuire è al centro del modello di business, sia esso B2B o B2C. Tuttavia, è necessario prendere in considerazione anche diverse componenti dei beni, come la durata, la stabilità intrinseca e la maneggevolezza.

La durata è un aspetto critico quando si tratta di prodotti freschi che devono essere consumati subito dopo l'acquisto, come gli alimenti. Sebbene la stabilità intrinseca sia un fattore rilevante per le sostanze chimiche la cui manipolazione errata può causare problemi di salute, è più sicuro che esse vengano stoccate solo nello stabilimento di produzione e nei punti di utilizzo. Anche la movimentazione è un punto importante per i liquidi e gli aggregati sfusi, perché non è conveniente stoccarli in molti luoghi e trasferirli finché non sono già imballati. 

Capacità produttiva

Un altro aspetto da tenere in considerazione nell'ubicazione dei magazzini è la capacità di stoccaggio, che è proporzionale alla quantità di produzione e/o di importazioni da parte dei fornitori. Ma non si tratta solo di concentrarsi sul volume, ma anche di prestare attenzione ad altri fattori, come i gradi di trasformazione.

I gradi di trasformazione classificano i beni in base alla quantità di lavorazione necessaria per convertirli nel manufatto che distribuiscono (che potrebbe non essere necessariamente destinato al consumatore finale, a seconda del modello aziendale). Un prodotto con un basso grado di conversione è solitamente un prodotto che necessita solo di essere confezionato e/o lavorato, come ad esempio i prodotti freschi. Mentre un articolo a medio o alto grado di modifica è un articolo che subisce molti o molti sviluppi e cambiamenti per renderlo adatto alla vendita, come i materiali industriali, che possono richiedere diversi magazzini per le materie prime coinvolte nella produzione.

Infine, è noto che una rete di distribuzione è composta principalmente dalle seguenti tre caratteristiche dei magazzini: il numero, l'ubicazione e i tipi di magazzini. Mantenere questi aspetti in equilibrio per essere il più possibile redditizi non è affatto facile a causa della noiosa pianificazione che comporta, oltre al fatto che ci sono due fattori importanti da tenere in considerazione: la composizione e la distribuzione nella rete di commercializzazione.

Vector de cadena de suministro - ubicación de los almacenes vector

Leggi tutto

Quali sono i profili professionali più ricercati nella logistica?

perfiles-profesionales-de-logistica-1

Attualmente, il settore della logistica e dei trasporti sta diventando abbastanza rilevante a causa della crescita del commercio elettronico. Oltre al fatto che in Spagna è uno dei settori più importanti dell'economia, con un PIL del 10% e più di 500.000 spedizioni all'anno.

Guardando questo panorama, è possibile affermare che si tratta di un'industria che impiega più di 950.000 persone, una cifra molto attraente per chi desidera iniziare o cambiare la propria carriera professionale. Ma, nello specifico, quali sono i profili professionali nella logistica, ed è necessaria una formazione specifica per poter esercitare queste professioni?

Se sei interessato a conoscere i dettagli dei profili professionali più richiesti nella logistica, dai un'occhiata!

Addetto al magazzino

Questo è senza dubbio il profilo più ricercato nel settore della logistica. I loro compiti si basano sull'assistenza al carico e allo scarico dei camion, il controllo e l'ordine delle merci, il controllo dello stock dei prodotti, la loro preparazione e l'aggiornamento del registro di magazzino.

Questi profili professionali nella logistica richiedono almeno l'istruzione secondaria obbligatoria. Tuttavia, ci sono corsi di formazione specializzati come operatore di carrelli elevatori o addetto al magazzino che aiutano a fornire una solida base per il lavoro e a migliorare il curriculum. Senza dimenticare che devi avere la capacità fisica di spostare oggetti pesanti da un posto all'altro. cursos de formación especializados como la de carretillero o la de mozo de almacén que ayuda a tener una base sólida para el desempeño del trabajo y mejoran el currículum. Sin olvidar que se debe poseer la capacidad física para mover objetos pesados de un lugar a otro.

Operatore di carrelli elevatori

Il secondo profilo più ricercato nel settore è quello del magazziniere. Si tratta di persone che manovrano carrelli elevatori e sono responsabili della ricezione, del posizionamento di pacchi pesanti su pallet e della preparazione di ordini e imballaggi.

Nonostante ciò che il nome suggerisce, il professionista non si concentra solo su un compito specifico. Nel caso degli operatori di carrelli elevatori, svolgono altri compiti complementari come il controllo delle bolle di consegna. Per poter accedere a questa posizione, è necessario aver superato l'ESO e sottoporsi alla formazione sui carrelli elevatori per essere in grado di maneggiare i macchinari.

Ragazzo/ragazza delle consegne

Questo è probabilmente uno dei profili professionali nella logistica che ha guadagnato molta importanza negli ultimi anni a causa della notevole crescita del commercio elettronico. L'autista delle consegne ha il compito di portare la merce a destinazione e di pianificare gli orari e i percorsi più efficienti. Questo compito può essere reso molto più facile se si utilizza un ottimizzatore di percorsi.

Oltre a questo, organizza anche la merce nel suo furgone e comunica direttamente con i clienti, avendo un certo profilo da venditore. Per poter lavorare come venditore, hai bisogno di una patente B, di un furgone proprio e di tutti i documenti necessari per essere un lavoratore autonomo.

perfiles-profesionales-de-logistica-2

Leggi tutto

Gli hub urbani sono la soluzione alle sfide dell'ultimo miglio?

hubs-urbanos-1

Con l'aumento dei vincoli all'interno delle grandi città e un maggiore impegno per l'ambiente, si stanno cercando modi per aggirare queste difficili sfide. Tra le varie proposte per rimanere efficienti nell'ultimo miglio, spiccano gli hub urbani.

Gli hub urbani non sono un gran mistero, in quanto sono piccoli magazzini situati nei centri delle grandi città. Questo dovrebbe ridurre le distanze dei percorsi e anche aumentare la capillarità dell'ultimo miglio. Se vuoi sapere di più sui loro altri vantaggi, dai un'occhiata!

Sfruttare i locali sottoutilizzati

Uno dei problemi più diffusi nelle città per quanto riguarda la distribuzione urbana è l'aumento dei locali sottoutilizzati che difficilmente possono essere riaffittati. Data la natura innovativa dell'essere un hub urbano, il riutilizzo di tali spazi ha molti vantaggi.

Tuttavia, affinché gli hub urbani funzionino correttamente, devono essere situati in punti strategici della città. Inoltre, questo può non essere facile perché richiedono l'affitto di spazi nel centro, che è un costo abbastanza alto che non tutte le aziende del settore possono permettersi.

Contribuire a ridurre le emissioni di carbonio

Questo è senza dubbio uno dei motivi principali per cui questa iniziativa ha iniziato ad essere utilizzata nelle grandi città. La riduzione delle miglia necessarie per soddisfare la domanda dell'ultimo miglio va molto verso la riduzione delle emissioni di CO₂.

Tuttavia, ci sono dei passi in più che devono essere fatti perché la minimizzazione dell'inquinamento sia efficace. Per esempio, si sta considerando l'uso di veicoli a zero emissioni come i veicoli elettrici e l'approccio di fare le consegne di notte per ridurre la congestione del traffico. Così come l'uso di un ottimizzatore di percorsi per risparmiare tempo e denaro.

hubs urbanos 2

Leggi tutto

5 modi per ottimizzare i tuoi nodi logistici

ordenación-de-cajas-en-el-centro-logístico-nodos-logísticos

I nodi logistici sono noti per essere una parte fondamentale di tutti i processi coinvolti nella logistica. Vanno dalle fabbriche ai centri di distribuzione dell'ultimo miglio, incaricati di ricevere, immagazzinare e gestire l'intera distribuzione delle merci.

Tuttavia, tali operazioni spesso non sono ottimizzate. Pertanto, la qualità del servizio ai clienti si deteriora notevolmente a causa dei ritardi, della ridotta durata di conservazione dei prodotti deperibili, dell'avere un prodotto fuori stock per un periodo di tempo prolungato, tra gli altri.

Per i modi per ottenere il massimo dalla tua infrastruttura logistica, dai un'occhiata ai seguenti punti:

Progettare strategie di distribuzione

L'azienda potrebbe già avere le proprie strategie di distribuzione per la propria rete di nodi logistici. Tuttavia, dati i continui cambiamenti che possono interessare tutta la logistica, questi possono avere bisogno di essere aggiornati in base alle esigenze attuali.

Para ello, recopilar la mayor cantidad de datos posibles es esencial para conocer los siguientes pasos que se tienen que dar. De esta manera, se pueden diseñar estrategias eficientes para cubrir las necesidades de la mercancía y la distribución.

Definire gli indicatori di gestione

Come si dice spesso, il rendimento di un'attività non può essere valutato se non si assegnano indicatori chiave. Nella gestione di un'infrastruttura logistica, questo non fa eccezione e anche i KPI devono essere assegnati a tutte le operazioni per avere il loro monitoraggio a portata di mano.

Non serve solo a misurare le prestazioni della gestione dei beni. È anche molto utile per tenere sotto controllo i costi dei nodi logistici e la soddisfazione dei clienti, soprattutto in caso di reclami e problemi con i prodotti.

Fare l'ispezione delle infrastrutture

L'ispezione e la manutenzione delle infrastrutture dei nodi logistici sono indispensabili sia per la sicurezza del personale che per la sicurezza delle merci. Il mancato rispetto di questa regola può portare a gravi incidenti in entrambe le situazioni.

Leggi tutto

10 tipi di stock da tenere in considerazione per ottimizzare le operazioni logistiche

Composizione logistica isometrica con immagini di figure di magazzino di persone con scatole di cartone camion merci e automobili illustrazione vettoriale-tipi di stock

Quando si prendono in considerazione vari aspetti per ottimizzare i tempi di consegna, la pianificazione dei percorsi e la gestione delle scorte, grande attenzione deve essere posta al prodotto stesso che è presente nei magazzini. Parliamo dello stock o Inventario.

Naturalmente, non tutti i tipi di stock possono essere trattati allo stesso modo. Ci sono stock che necessitano di un'attenzione particolare perché più deperibili, fragili o con misure più restrittive di altri.

Qualsiasi settore deve funzionare molto bene con i seguenti tipi di stock, che sono classificati in base alle loro funzioni e criteri operativi.

Tipi di stock in base alla loro funzionalità

Non tutto l'inventario presente in un magazzino svolge la stessa funzione. Questi includono lo stock che è immagazzinato in un magazzino, in transito verso la sua destinazione e quello che è in attesa di arrivo per rifornire lo stock. Ecco i seguenti:

Stock attivo

Questi sono gli stock disponibili per la vendita e la distribuzione, che si muovono tra i limiti massimo e minimo. Certo, sono estremamente importanti in quanto sono il tipo di stock che influenza direttamente le richieste dei clienti, quindi la loro quantità deve essere ben monitorata, così come l'individuazione di possibili difetti, tra gli altri aspetti.

Ciclo Stock

Consiste nell'inventario che ha una domanda abituale e ha questa funzione: coprirlo senza essere condizionato da tempi o circostanze insolite. Poiché si tratta di soddisfare il numero regolare di ordini, è molto importante controllare il livello delle scorte attraverso l'implementazione di scorte di sicurezza, tra le altre misure. In caso contrario, ci sarebbe un grave caso di esaurimento scorte. 

Scorte stagionali

Sono le scorte progettate per soddisfare l'elevata domanda in un picco di vendita basato su stagioni specifiche come il Venerdì nero o Natale. Innanzitutto, è necessario calcolare il numero di ordini previsto in base agli esercizi precedenti e assicurarsi che tale stock sia idoneo alla distribuzione e alla vendita.

Stock di sicurezza

Come indica il nome, è il tipo di stock aggiuntivo destinato ad anticipare potenziali problemi con lo stock attivo, ad esempio difetti di fabbrica, ritardi nelle consegne, tra le altre cose. Serve anche a coprire una domanda inaspettatamente alta senza contare determinati periodi dell'anno.

È estremamente importante disporre di questo tipo di inventario, soprattutto in caso di picco della domanda per evitare l'esaurimento delle scorte.

Azione speculativa

Per fini piuttosto economici, lo stock è più richiesto del necessario a causa del beneficio di riduzioni e sconti. Tuttavia, è necessario prestare particolare attenzione a distribuirlo tra le scorte attive perché una quantità eccessiva può causare un eccesso di inventario che può portare all'inattività a causa delle date di scadenza e dell'obsolescenza del prodotto.

Stock in transito

Non deve essere confuso con lo stock attivo, poiché sono le merci che si trovano in un processo interno dell'azienda, sia che si tratti della loro consegna o distribuzione. Puoi prendere il controllo di queste azioni grazie a ottimizzatori di percorso che informano in tempo reale sullo stato di avanzamento dell'ordine.

Leggi tutto