Hedyla.com | Software logistico per l'ottimizzazione dei processi

Crisi della filiera

La crisi della filiera globale è già più che evidente e tutti i media ne fanno eco. Una ripresa economica che colpisce in modo disomogeneo e che mentre in alcuni Paesi si riattiva in altri, la mancanza di approvvigionamenti sta creando scompiglio.

La carenza di conducenti di mezzi pesanti sta causando strozzature di difficile soluzione. Gran parte del prodotto rimane in fabbrica, in quanto non può uscire a causa di problemi di trasporto e fornitura.

Ciò sta inducendo le grandi aziende a iniziare a lavorare direttamente con i rivenditori per garantire l'approvvigionamento.

Di fronte alla crisi dell'approvvigionamento di carburante dovuta alla mancanza di conducenti di veicoli pesanti, la Gran Bretagna ha deciso di schierare circa 200 autocisterne militari. 100 di loro, autisti, aiuteranno a risolvere la mancanza di camionisti e si occuperanno della distribuzione del carburante alle stazioni di servizio. (Fonte: Euronews)

In Spagna sono necessari tra i 5.000 e i 10.000 camionisti di mezzi pesanti. Difesa e CEOE stanno concordando un accordo in modo che i militari che si avvicinano alla pensione al compimento dei 45 anni possano unirsi come camionisti vista la carenza che si sta verificando nel settore. (Fonte: Defensa.gob)

Non solo il trasporto terrestre è interessato. Anche centinaia di navi stanno soffrendo di questa crisi e sono bloccate fuori dai porti. Ciò sta influenzando direttamente il prezzo dei container, che è stato moltiplicato per dieci se lo confrontiamo con il prezzo prima della pandemia.

Solo negli Stati Uniti migliaia di navi cariche di container aspettano un posto in banchina.

Il ciclo diventa vizioso, poiché i ritardi per alcuni portano a ritardi per altri e alla fine ne risente non solo la fornitura di merci, ma anche le forniture in tutto il mondo.

Se ai problemi delle filiere si aggiunge l'improvvisa carenza di chip, l'impatto sull'economia reale si moltiplica.

La carenza di chip aumenta la crisi della catena di approvvigionamento

L'ombra del Covid-19 sta ancora una volta devastando la vita quotidiana. La domanda di dispositivi per il telelavoro e vari gadget per rendere più sopportabile il confinamento ha lasciato a secco il mercato dei chip. Ancora una volta, sembra che l'industria non sia preparata a cambiamenti improvvisi della domanda ed è ora il settore automobilistico, tra gli altri, a risentire maggiormente di questa mancanza di circuiti integrati.

È tempo di mettersi in fila per comprare quell'auto elettrica di cui tutti parlano o il nuovo modello di quel cellulare che tanto ci piace. I produttori di chip hanno riassegnato la loro produzione ad altri settori e ci vorrà tempo prima che la fornitura e l'organizzazione della produzione di chip si normalizzino.

Anche in questo caso, le filiere ne risentono, con le fabbriche paralizzate, con un aumento dei prezzi e un ulteriore ritardo della ripresa economica, senza parlare anche del grande conflitto tra i tre maggiori produttori di chip: Taiwan, Corea del Sud e Stati Uniti. , e tutto indica che il Il gigante americano resterà presto in coda alla corsa.

La crisi della catena di approvvigionamento dovuta alla carenza di camionisti aggiunta alla congestione portuale senza precedenti e alla mancanza di patatine è l'incubo che alla fine colpisce i consumatori, aumentando i prezzi di tutti i prodotti interessati. Analisi di Moody hai già notato:

"Le interruzioni nelle catene di approvvigionamento peggioreranno prima di migliorare. Mentre la ripresa economica globale continua a prendere vigore, ciò che sta diventando sempre più evidente è come sarà ostacolata dalle interruzioni della catena di approvvigionamento che ora stanno spuntando dietro ogni angolo."

E se le catene di approvvigionamento fossero più solide, saremmo preparati ad affrontare la crisi attuale? 

Grazie all'uso della tecnologia nella logistica, una buona gestione dell'inventario e una migliore gestione del magazzino, l'esternalizzazione dei servizi logistici e ottimizzazione nei trasporti e soprattutto un miglioramento nella gestione degli approvvigionamenti eviterebbe situazioni come quella che stiamo vivendo con la crisi della filiera.

2 commenti su “Crisis en la cadena de suministro”

  1. Molto buono il tuo articolo Raquel Pérez! una visione sintetica del tempo presente precario che stiamo vivendo. Forse comincerà ad essere introdotta la robotica come soluzione a breve-medio termine, ma ovviamente senza "chips" penso che siamo in una ruota viziosa e come dici tu, ogni giorno viene dimostrato che devi essere preparato a qualsiasi situazione, essere it a pandemia Che si tratti di mancanza di rifornimenti o di vulcano in eruzione (come quello di Palma), non è più la previsione di vendita annuale con analisi di competenze, prezzo e prodotti, ma bisogna avere uno sguardo più ampio, perché se non lo facciamo saremo fuori mercato.

    Rispondi
    • Grazie amore!
      Non ne lasciamo uno che siamo già in un altro. Ci attendono tempi difficili, ma siamo pronti ad affrontarli? Al momento sembra che no….

      Rispondi

Lascia un commento