Hedyla.com | Software logistico per l'ottimizzazione dei processi

Supermercati: le sfide dell'era post-COVID

Lontano abbiamo la folle settimana di marzo 2020 in cui Pedro Sánchez ha annunciato lo stato di allarme. Una settimana che il consumatore ricorderà per le forti scorte di carta igienica e le vendite esorbitanti che hanno prodotto strozzature nelle scatole mai viste nei Natali precedenti. 

Abbiamo imparato molto da allora. L'esperienza conferma che il settore ha la capacità di cambiare e adattarsi alle mutevoli esigenze e ai nuovi scenari.

Che scenario abbiamo avuto in una pandemia?

Il settore ha chiuso il 2020 con un fatturato in forte crescita, poiché è riuscito a capitalizzare la perdita di volume d'affari nel settore dell'Ospitalità nazionale. Nel 2021 sembra che tutto continuerà allo stesso modo, almeno fino a quando non ci sarà una nuova normalità controllata e l'Industria dell'Ospitalità potrà riemergere come centro nevralgico della socializzazione della cittadinanza.

Il ritmo delle nuove aperture di negozi fisici non solo ha soddisfatto le aspettative, ma in molti casi le ha ampiamente superate. Era ovvio che le catene più attive negli ultimi anni avrebbero proseguito ad un alto tasso di investimento. Ma non erano solo loro. Anche i giocatori meno attivi o con problemi finanziari recenti hanno mostrato la volontà di aumentare la propria rete commerciale.

Quando passeranno alcuni anni, tutto questo sarà il minimo. Quello che durerà nel tempo, dopo aver superato questa crisi sanitaria, sarà il cambio di mentalità sia nei professionisti del settore che nei consumatori. Ora non vediamo più l'opzione omnicanale così lontana. Abbiamo già il canale online qui e dobbiamo implementarlo. Abbiamo tutti considerato ancora una volta il fatto di avere una forte presenza nella rete, nel momento in cui questo canale prende gran parte della quota di mercato, posizionandosi e avendo quella competenza che ci permette di continuare a fornire il miglior servizio al cliente.

 Come può evolvere il settore dei supermercati?

Il settore dei supermercati si evolverà a un ritmo vertiginoso come sta accadendo negli ultimi anni. I punti focali su cui si concentreranno il cambiamento, l'adattamento e l'innovazione saranno i seguenti:

  • Febbre mercantile. Non va dimenticato che questa febbre estremamente mercantile continua ad esistere nel DNA del negoziante. Nei prossimi anni, parte degli utili continuerà ad essere capitalizzata sulla crescita della rete commerciale e sull'adeguamento dei punti vendita disconnesso quelli più vecchi alle crescenti richieste del cliente. 
  • Scommetti sulla vicinanza. Dopo questa crisi, molti locali a basso metraggio rimarranno vuoti. La crescente esigenza di vicinanza al cliente e velocità nella consegna a domicilio farà sì che le principali catene continuino a scommettere sulla vicinanza e la prossimità come forma di espansione “controllata”.
  • Nuove formule? Dovremmo guardare con sospetto a tutti questi nuovi concetti come Cucina scura o Negozio oscuro che stanno comparendo e che ci stanno diventando sempre più familiari. Vedremo come influenzano le strategie multicanale emergenti e come, attraverso di esse, è possibile raggiungere sempre di più il cliente finale.
  • Crescita inorganica e modello di franchising. È molto probabile che nei prossimi anni assisteremo ad alcuni voluminosi acquisti di negozi, o anche marchi, aziende o aziende. Allo stesso modo, la crescita dei supermercati regionali continuerà ad essere, come negli ultimi 10-15 anni, un modello in franchising o cooperativo. Questi modelli consentono di competere con le economie di scala dei mostri del settore.
  • Risparmio sui costi logistici e di struttura. Abbiamo investito anni in miglioramenti logistici lungo tutta la catena di approvvigionamento: approvvigionamento, magazzini, distribuzione, consegne dell'ultimo miglio e operazioni e processi in negozio. Questo investimento aumenterà a causa dell'elevata concorrenza che esiste nel mercato e vedendo le orecchie del lupo con la crescita del modello di shopping online. Inoltre, è più che probabile che continueremo con importanti ristrutturazioni organizzative di più di un'azienda quando torneranno le vacche magre.
  • Previsione della domanda e gestione delle scorte. Oltre ad applicare miglioramenti in alcuni processi logistici, le aziende stanno lavorando sempre più su scorte minime, con fornitori approvati e prezzi di acquisto stabili, che possono essere rivisti in base al volume. Una migliore e più affidabile previsione della domanda significa poter ridurre al minimo gli sprechi in negozio per i prodotti deperibili, aumentare il volume di disponibilità sugli scaffali e diminuire la percentuale di vendite perse.
  • Istituzione del modello di business online. Nei prossimi anni vedremo quale modello di magazzini Saranno quelli ottimali per fornire un servizio di Quick Commerce ad una rete capillare come quella che abbiamo nel settore Food. Mangia tutti mangiano. E contro margine, da bravi trader, non andremo 😛
  • Sostenibilità Quest'anno 2021 abbiamo trovato una misura forte eliminando i sacchetti di plastica. Durante i prossimi 5-10 anni ci saranno importanti cambiamenti nella materia prima del confezione dei prodotti commercializzati per ridurre la plastica e il suo impatto sull'ambiente. Inoltre, saranno fatti grandi investimenti industriali e anche in flotte sostenibili per ridurre le emissioni di gas serra.

In Hedyla continuiamo a lavorare a stretto contatto con e per il cliente. Continuiamo ad ascoltare da vicino le vostre esigenze e l'evoluzione del settore dei supermercati. Indubbiamente i prossimi anni saranno impegnativi perché i miglioramenti nell'ottimizzazione dei processi logistici saranno all'ordine del giorno e noi saremo presenti per fornire sempre la soluzione migliore.

Lascia un commento